Press "Enter" to skip to content

Il magnesio contro digestione lenta e intestino pigro


Questo è il periodo dell’anno in cui prendersi cura del proprio stomaco e dell’intestino. I pasti invernali, infatti, spesso ricchi e abbondanti, causano un super lavoro all’apparato digerente. Se si trascura la pancia, lei chiederà il conto: digestione lenta e intestino pigro possono presentarsi o aggravarsi.

Per fortuna però la natura mette a disposizione un rimedio potente da utilizzare proprio in questi giorni: il magnesio.

Il magnesio ha un ruolo importante nel metabolismo, poiché permette il corretto funzionamento di numerosi enzimi. Una volta arrivato nell’intestino tende a richiamare acqua favorendo un naturale e fisiologico effetto lassativo. L’assunzione del magnesio ha però effetti positivi anche contro alcuni disturbi intestinali, perché agisce sulla muscolatura liscia dell’intestino.

Accelera la digestione

Rallentata da molti fattori, in primo luogo da problemi relativi all’acidità di stomaco, che può essere eccessiva o, al contrario, insufficiente (quando la produzione degli enzimi deputati alla digestione scarseggia pericolosamente). Come nel caso dell’intestino, anche per lo stomaco il magnesio aiuta a ripristinare l’equilibrio: aiutando a rilassare la muscolatura in genere può essere utile anche per lo stomaco ed allontanando così eventuali problemi.

Quali cibi contengono il magnesio?

La dose giornaliera di magnesio consigliata in un adulto in buone condizioni fisiche è di circa 300-360 mg. Tra i cibi più ricchi di magnesio ci sono:
– tutte le verdure a foglia verde (il magnesio è fondamentale anche per la fotosintesi clorofilliana), per esempio gli spinaci e il prezzemolo ne sono particolarmente ricchi: se le verdure si lessano, meglio trovare il modo di usare l’acqua di cottura, perché è dove i sali minerali vanno a finire.
– nell’ avocado, banane, melanzanesoia (e anche nel tofu);
legumi in genere, cereali integrali, avena e crusca di grano.
– nella frutta secca, in particolare semi di zucca, mandorle, nocciole e arachidi;
– nel cioccolato fondente e il cacao, miniere di magnesio. Un motivo in più per concedersi un cubetto di cioccolato buono ogni tanto.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *